ALLA MIA FAMIGLIA

Fratelli e Sorelle"! Mai come in questi giorni ho vissuto in pienezza queste due parole. Ho sentito tutti voi come mia famiglia in apprensione e preoccupazione. Ma soprattutto ho sentito la forza della vostra preghiera come una carezza che dà sollievo, come il grande Medico che ti tiene per mano. GRAZIE! Non era certo mia intenzione creare apprensione e vi chiedo scusa. Ma, nel Suo progetto d'Amore, Dio ci ha aiutato a sentirci fragili, uniti, in cammino, sorretti per mano, con Maria che sicuramente mi ha preso in braccio in questi giorni. Le mie sofferenze diventino benedizione per ciascuno di voi; le vostre preghiere ossigeno ed energia di comunità. Con una lacrimuccia vi dico ancora GRAZIE! E, se è volontà del Signore, restiamo in attesa di camminare ancora insieme.

                   Don Danilo